Hai sentito parlare del ringiovanimento vaginale e del ringiovanimento vulvare come metodiche per migliorare l’estetica dei genitali e il piacere sessuale ma non sai cosa sono esattamente questi trattamenti? Nessuna paura, ti spiego in questo breve articolo cosa sono e come fare il ringiovanimento vaginale e il ringiovanimento vulvare.

Oggi voglio spiegarti come fare il ringiovanimento vulvare e il ringiovanimento vaginale che consente a tutte le donne di ottenere maggiori sensazioni sessuali e migliorare l’estetica dei genitali. Le sensazioni sessuali possono perdersi o ridursi per l’età, o per la occorrenza di diversi parti vaginali, che provocano una lassità dei tessuti della vulva e della vagina. Ciò provoca una riduzione del piacere sessuale sia per la donna che per il partner.

Appena qualche applicazione (in genere 4-6 ogni 14 giorni circa), e si ricostituisce la normale anatomia dei tessuti genitali. Questo determina un miglioramento estetico (ringiovanimento vulvare) e una maggiore aderenza della vagina (ringiovanimento vaginale) al pene durante l’atto sessuale. Anche il punto-G, che è una concentrazione di fibre sensitive nella parte anteriore della vagina, risulterà più vicino ed aderente al pene, con un aumento delle sensazioni sessuali sia femminili che maschili.

Come fare il ringiovanimento vulvare e il ringiovanimento vaginale

Grazie alla maggiore consapevolezza delle donne circa la loro sessualità, sta aumentando la richiesta per una pratica medica che si chiama ringiovanimento vulvare e ringiovanimento vaginale. La metodica in uso presso di noi è semplice da effettuare e sostanzialmente priva di effetti collaterali e complicanze. Si tratta di una metodica grazie alla quale si può ottenere la ricostituzione dei tessuti della vulva e della vagina con una semplice tecnica ambulatoriale.

Fanno parte di una materia che si chiama chirurgia genitale cosmetica femminile. Questa include anche la labio-plastica, la liposcultura vulvare, la ricostruzione dell’imene (imene plastica) e l’amplificazione del punto G. Queste metodiche sono finalizzati a:

  • miglioramento estetico dei genitali esterni
  • miglioramento delle sensazioni di piacere sessuale femminile e maschile

In una casistica pubblicata nel 2006:

  • 66% delle donne operate di ringiovanimento vaginale riferiscono un gran miglioramento della vita sessuale
  • 24% delle donne riferiscono un miglioramento significativo
  • il 10% delle donne non riportano alcun miglioramento

In un’altra casistica del 2014, la soddisfazione sessuale (misurata con questionari validati scientificamente) migliora nelle donne operate di riduzione vaginale, tuttavia con un aumento del dolore ai rapporti e riduzione della lubrificazione vaginale.

Molto limitata risulta invece la letteratura scientifica in caso di utilizzo del laser. Questa chirurgia laser tuttavia preoccupa per il danno ai tessuti, aumento del dolore uro-genitale, e dolore ai rapporti. Si temono anche danni ai tessuti circostanti, e al retto, uretra, e vescica.

L’utilizzo della radiofrequenza è gravata da minori effetti collaterali. Si riporta un significativo miglioramento della funzione sessuale.

I trattamenti non chirurgici non incidono in modo stabile sul risultato. Infatti, i tessuti, per recuperare la loro tonicità, devono subire un piccolo danno chirurgico controllato. In nessun caso il trattamento con creme, silicone o similari può garantire il risultato, se non si eliminano chirurgicamente i tessuti in eccesso,che quindi non ricrescono più. A livello vulvare, è la stessa cosa: solo la rimozione di un po’ di tessuto può dare il risultato estetico richiesto.

La nostra metodica

La metodica di ringiovanimento vulvare e di ringiovanimento vaginale più “accessibile” e semplice da effettuare è senza ombra di dubbio quello messo a punto dal nostro Centro.

Grazie a questa metodica, che si compone di un pacchetto di 4-6 applicazioni a distanza di 14 giorni circa, è possibile rendere i tessuti genitali più trofici e aderenti al pene, migliorare l’estetica della vulva, riportandola alle caratteristiche giovanili, senza applicare tagli o complicati interventi chirurgici.

L’intervento consiste nella ben dosata elettrocoagulazione in radiofrequenza di piccole parti della vagina e della vulva, in anestesia locale, che può trasformare qualsiasi apparato genitale esterno in una vulva e vagina giovanili.

L’effetto è particolarmente importante a causa della moda attuale della depilazione genitale, particolarmente gradito ai partner maschili, che mette a nudo le caratteristiche fisiche dei genitali esterni. La vagina si deve restringere chirurgicamente quel tanto che basta a migliorare la aderenza delle pareti vaginali e del punto-G al pene.

Per effettuare questo intervento, occorre effettuare una prima visita presso il nostro centro, durante la quale verrà raccolta una attenta anamnesi (storia clinica) con particolare attenzione alla storia ostetrica, ad interventi precedentemente effettuati, e verrà effettuata una visita ginecologica accurata con vulvoscopia e vaginoscopia.

Trattamento da parte di un ginecologo

I trattamenti presso il Centro Donnamed vengono effettuati dal ginecologo esperto in chirurgia.

Preparazione al ciclo di trattamenti

Al termine della prima visita, ci sarà la proposta terapeutica. Si dovranno effettuare semplici esami clinici di preparazione (esami coagulazione, tamponi, etc).
Entro massimo 7-10 giorni si potrà iniziare il primo trattamento.

Costi del trattamento

Il costo dell’intero trattamento, che si compone di un numero non pre-determinato di sedute (minimo 4 a distanza di 14 giorni) fino al raggiungimento di un effetto determinabile con questionari validati, è di Euro 1.200.

Bibliografia

Pardo JS, Solà VD, Ricci PA, Guiloff EF, Freundlich OK. Colpoperineoplasty in women with a sensation of a wide vagina Acta Obstet Gynecol Scand. 2006; 85(9):1125-7
Abedi P, Jamali S, Tadayon M, Parhizkar S, Mogharab F Effectiveness of selective vaginal tightening on sexual function among reproductive aged women in Iran with vaginal laxity: a quasi-experimental study.. J Obstet Gynaecol Res. 2014 Feb; 40(2):526-31.
Millheiser LS, Pauls RN, Herbst SJ, Chen BH.Radiofrequency treatment of vaginal laxity after vaginal delivery: nonsurgical vaginal tightening.. J Sex Med. 2010 Sep; 7(9):3088-95.