La presenza di fibromi uterini ha sempre prodotto controversie relative alla loro capacità di causare infertilità. E’ di Settembre 2017 una ottima metanalisi pubblicata su Fertility & Sterility che cerca di chiarire la relazione tra presenza di fibromi e infertilità e tra la presenza di fibromi uterini e la probabilità di gravidanza e l’abortività. Lo studio chiarisce inoltre se la asportazione dei fibromi uterini influenzi l’esito della gravidanza.

Fibromi e infertilità

La metanalisi conferma in parte quanto era ipotizzato sul rapporto tra fibromi e infertilità.

Non c’è sufficiente evidenza scientifica per concludere che la relazione tra fibromi e infertilità sia così stretta: la presenza di fibromi non riduce necessariamente la fertilità.

Tuttavia, esiste evidenza sul beneficio dell’asportazione dei fibromi (per via laparoscopica “con i buchi” o laparotomica”col taglio”) in caso essi distorcano la cavità uterina. I fibromi che distorcono la cavità sono i sottomucosi o gli intramurali che aggettano in cavità. L’asportazione di questi fibromi per via laparoscopica o laparotomica migliora il tasso di gravidanza e riduce il rischio di aborto.

La miomectomia isteroscopica (“da sotto senza tagli”) ha un impatto positivo sul tasso di gravidanza clinica, ma non c’è sufficiente evidenza scientifica che la miomectomia laparoscopica migliori la probabilità di nati (“bimbi in braccio”) o riduca l’aborto precoce.

Conclusioni dello studio

La conclusione dello studio è che la rimozione dei fibromi per via laparoscopica o laparotomica che distorcono la cavità uterina in donne asintomatiche può migliorare la fertilità e ridurre il rischio di aborto. Per l’intervento isteroscopico, il miglioramento del tasso di “bambini in braccio” per l’intervento isteroscopico non è dimostrato.

Bibliografia

Practice Committee of the American Society for Reproductive Medicine. Removal of myomas in asymptomatic patients to improve fertility and/or reduce miscarriage rate: a guideline. Fert Ster 108, Issue 3, Pages 416–425