Prenota Adesso! +39 06 30367768

Patologia

Il dolore vulvare è una condizione che, pur essendo di natura benigna nella maggior parte dei casi, incide profondamente sulla vita personale e di relazione della donna e della coppia.

Il dolore vulvare può essere correlato ad una causa specifica, ad esempio di tipo infettivo (candidiasi, infezione erpetica etc), infiammatorio (lichen planus, dermatosi bollose etc.), tumorale (malattia di Paget, carcinoma squamoso etc.) o neurologico (nevralgia post-erpetica, compressione nervosa etc.).

La cosiddetta vulvodinia, al contrario, non riconosce una causa al momento diagnosticabile: si definisce infatti come dolore vulvare in assenza di lesioni cliniche visibili. La vulvodinia può essere generalizzata o localizzata. La forma generalizzata interessa l’intera area vulvare, può essere provocata da rapporti sessuali, da stimoli non sessuali etc. oppure spontanea in quanto sorge in assenza di uno stimolo preciso; in alcuni casi è mista, provocata e spontanea. La forma localizzata riguarda una parte soltanto della vulva e ugualmente può essere provocata, spontanea o mista.

La diagnosi si raggiunge attaverso un percorso ben preciso, che viene seguito da Donnamed per escludere ogni possibile causa di dolore vulvare; in assenza di una causa rilevabile, si diagnostica la vulvodinia e si offrono tutte le possibilità terapeutiche attualmente disponibili in letteratura medica.

I nostri dati riportano la risoluzione del dolore vulvare in un sostanziale numero di casi quando esso sia da riferirsi ad una patologia identificabile.

I risultati sono imprevedibili nei casi in cui non sia identificabile una patologia.

Le nostre pazienti sono informate che il trattamento può non risolvere la sintomatologia. 

Ottimi risultati riportiamo con l’utilizzo della terapia medica con anticonvulsivanti nelle donne che tollerano tale trattamento.

Non riteniamo che la terapia chirurgica radicale sia indicata, mentre una terapia chirurgica localizzata e limitata può portare a risoluzione, se si identificano lesioni vulvoscopicamente significative. La terapia chirurgica viene di solito seguita dalla terapia medica locale o orale.

Nelle dermatosi, le terapie specifiche sono usualmente efficaci.

Il supporto psico-sessuologico ha una sua applicazione in casi selezionati.

Un approccio del tipo tender loving care (attenzione amorevole ad ogni richiesta della paziente, disponibilità estrema al colloquio e alla rivalutazione) risulta efficace in molti casi.

La terapia cognitiva comportamentale è in corso di sperimentazione in Donnamed.

Blocchi anestetici ganglionari, dei nervi pudendi e sacrali non trovano adeguata documentazione in letteratura scientifica; non è un approccio perseguito da Donnamed .

 

Lascia un commento