Cosa fare se gli embrioni non attecchiscono

Hai fatto diversi cicli di fecondazione assistita senza successo ? Ti sei convinta che il problema è nell’utero ? Non sai cosa fare se gli embrioni non attecchiscono ? Ti puoi sentire in difficoltà nel capire esattamente cosa ti succede.

Il fallimento ripetuto di attecchimento è una condizione patologica che ha molte cause presunte. Sono state proposte molte soluzioni.

Tuttavia non ti spaventare. Cerca di capire cosa fare se gli embrioni non attecchiscono. L’impresa è ardua ma ce la puoi fare.

L’impianto embrionario

La maggior parte delle donne che si sottopongono a FIVET raggiungono il trasferimento embrionale. Tuttavia la proporzione di embrioni che impiantano in utero dopo il transfer è rimasta piccola dalla metà degli anni ’90.
L’endometrio a causa della sua crescita passiva a seguito di una adeguata stimolazione delle ovaie, ha avuto poca attenzione. La maggior parte dei trattamenti attuali non sono basati su dati solidi, nonostante molti medici e pazienti usino questi trattamenti.

I fattori uterini

I fattori uterini sono legati alla presenza di corpi estranei presenti nell’utero (polipi, fibromi, setti). Dall’11 al 23% delle isteroscopie eseguite in donne con sterilità danno risultati anomali.
E’ dimostrato che la rimozione di polipi uterini migliora i risultati dell’inseminazione intrauterina. Tuttavia più studi controllati sono necessari per provare definitivamente che la rimozione di polipi, fibromi, setti uterini e aderenze dentro l’utero siano efficaci nel miglioramento dei risultati della inseminazione e della fecondazione in provetta.  La rimozione delle tube malate che contengono liquido (idrosalpinge) migliora sicuramente i risultati e va consigliata in tutte le donne prima di una fecondazione assistita.

L’endometrio

Lo spessore endometriale non sembra troppo importante nell’identificare le donne con bassa probabilità di impianto dopo fecondazione in provetta.

I farmaci

Sicuramente alcuni farmaci si associano ad un miglioramento dell’impianto degli embrioni. Tra questi il progesterone che va sempre usato. La via di somministrazione del progesterone non cambia il risultato, sia che venga dato per intramuscolo, che per via vaginale.

L’aspirinetta, il Viagra, il G-CSF e i vasodilatatori non migliorano l’attecchimento nella popolazione generale dopo trasferimento embrionale. Neanche l’aggiunta di estrogeni cambia la percentuale di attecchimento. La somministrazione in utero di hCG non migliora l’attecchimento.

L’aspirinetta e l’eparina non migliorano l’attecchimento nella popolazione con anticorpi anti nucleo o antifosfolipidi dopo trasferimento embrionale.

Il LIF (fattore inibente la leucemia) e l’Intralipid peggiorano i risultati di gravidanza.

Il cortisone non è chiaramente legato ad un miglioramento dei risultati di attecchimento e può peggiorare i risultati.

L’eparina a basso peso molecolare (Clexane) può migliorare i risultati in donne con ripetuto fallimento dell’impianto o con trombofilia.

Le immunoglobuline endovena migliorano i risultati di gravidanza e riducono l’aborto.

La Pipelle

La Pipelle è un piccolo tubicino che viene usato per provocare un danno controllato dell’endometrio sotto forma di una “grattatina” molto simile ad una biopsia. Sebbene non migliori i risultati di donne che fanno inseminazione semplice o rapporti mirati a letto, la Pipelle sembra migliorare i risultati della fecondazione in provetta.

L’isteroscopia

Fare una isteroscopia in donne che non hanno anomalie visibili all’ecografia dell’utero non migliora l’attecchimento.

La diagnosi pre-impianto

Selezionare gli embrioni geneticamente sani migliora i risultati in pazienti giovani che sono di per sé stesse a buona prognosi.
Non c’è dimostrazione che la diagnosi pre-impianto migliori i risultati in donne con età avanzata, con aborto ricorrente e con difetto dell’impianto embrionale.

La blastocisti

Una moderata evidenza scientifica suggerisce un vantaggio trasferendo embrioni al 5° o 6° giorno di sviluppo (blastocisti).

Assisted hatching

Non dimostra un miglioramento significativo dei risultati.

Embryoscope

Non dimostra un miglioramento significativo dei risultati.

La selezione degli spermatozoi (IMSI)

Non dimostra un miglioramento significativo dei risultati.

Cosa fare se gli embrioni non attecchiscono

Molti centri di fecondazione assistita offrono un ampio range di trattamento in aggiunta alle procedure standard di fecondazione in provetta. Per molti di questi trattamenti, si dichiarano risultati ottimi. Tuttavia, per la maggior parte di questi trattamenti, i risultati positivi mancano e non sono supportati da prove scientifiche solide.

Il consiglio che dò alle mie pazienti è quello che nella stragrande maggioranza dei casi l’utero non c’entra nulla nell’attecchimento. Lo dimostra il fatto che la maggior parte delle terapie dirette all’utero non funzionano.

Piuttosto occorre migliorare la qualità degli embrioni rivolgendosi a medici e centri competenti, in grado di generare embrioni più forti ed in grado di superare ogni ostacolo di attecchimento.

E poi….pazienza, pazienza e pazienza. La fecondazione in provetta risolve il problema ad oltre l’80% delle coppie.


Questo articolo non intende sostituire il consiglio del Medico. Non devi usare questa informazione per diagnosticare o trattare problemi di salute o condizioni patologiche. Consulta sempre il tuo Medico prima di cambiare trattamento, abitudini, assumere supplementi alimentari o farmaci, o iniziare terapie.


DOTT. ANGELO TOCCI

Angelo Tocci è un Medico Chirurgo (iscrizione albo n° 1870), Specialista in Ginecologia ed Ostetricia, e Andrologia e Sessuologia. Dirige il Gruppo Donnamed® che si occupa da 20 anni di sterilità di coppia e di malattie da virus del papilloma HPV maschile e femminile. E’ Socio dell’ American Society for Reproductive Medicine, della European Society of Human Reproduction and Embryology, della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità e della European Academy of Andrology. Ha lavorato presso il Policlinico Gemelli dell’Università Cattolica di Roma, presso l’Unità di Ricerca INSERM U80 dell’Università Claude Bernard a Lione (Francia) e al Queen Charlotte’s and Chelsea Hospital dell’Imperial College di Londra (UK).

25 Commenti

  • by Rosy. Gius
    Postato 21 Luglio 2019 18:03 0Likes

    Buonasera dottore. Io l’anno scorso 2018 ho tentato 4 transfer e l’ultimo era di 2. Tutti e 5 blastocisti, 4 ottimi uno buono. Non ha attecchito nessuno. Era una
    eterologa la cui donatrice 21 enne in salute.. Su 21 ovuli, 17 fecondati e 5 arrivati a blastocisti … Tutto a rotoli. Ottimo centro si dice… Ottima preparazione. Top dell’avanguardia. Centinaia e centinaia di foto e video di bimbi nati tramite loro. E il mio piccolo dov’è? Scusi lo sfogo ma dopo 9 mesi perché era ottobre, penso che oggi potevo essere in sala parto chissà ed invece sono qui su un divano sfinita da tanti dubbi e rimpianti. Poi guardi un TG e apprendi di madri ignobili che coprono i compagni assassini del loro pargoletti.. Saluti a tutti e in becco alla cicogna mamme 🤗🤗

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 24 Luglio 2019 21:38 0Likes

      Si, la comprendo. Mi sembra che Lei sia stata piuttosto sfortunata. Soprattutto in considerazione dell’alto numero di ovuli e di embrioni ottenuti. E’ certa della qualità del centro? In genere, centri che hanno bisogno di così tanti ovuli per i loro cicli non sono di buona qualità. Dott. Angelo Tocci Tel. 338.899.74.73

  • by rosy
    Postato 26 Giugno 2018 16:22 0Likes

    “Piuttosto occorre migliorare la qualità degli embrioni rivolgendosi a medici e centri competenti, in grado di generare embrioni più forti ed in grado di superare ogni ostacolo di attecchimento.” queste sono sue parole se non sbaglio, volevo solo sapere cosa intende nello specifico perchè che io sappia non esiste un modo per generare embrioni forti altrimenti tutti i centri lo applicherebbero no?
    Da tutti gli esami effettuati finora nè io nè mio marito abbiamo alcun problema, la nostra è una infertilità sine causa, purtroppo mi viene molto scomodo venire a Roma per una visita.

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 8 Luglio 2018 15:54 0Likes

      La gestione di un ciclo PMA può essere molto diversa da centro a centro. Non condivido quella che sembra la sua convinzione che un centro o un medico vale l’altro. Dott Tocci

      • by anna
        Postato 21 Maggio 2019 23:25 0Likes

        Gentilissimo Dott. Tocci, il suo articolo è davvero molto interessante, mai nessun altro dottore è stato così diretto come lei..mi ha davvero sorpreso.
        Vorrei farle una domanda, …che cosa intende dire quando Lei dice: “Occorre migliorare la qualità degli embrioni rivolgendosi a medici e centri competenti, in grado di GENERARE EMBRIONI PIU’ FORTI ed in grado di superare ogni ostacolo di attecchimento.” ..quali criteri deve avere un centro di PMA competente per differenziarsi da un altro centro? ..quali sono in genere i modi affinchè si creino embrioni più forti?..c’è qualche tecnica particolare?..mi può aiutare a capire?…la sua opinione per me è molto preziosa, la ringrazio davvero tanto!
        Un caro saluto,
        Anna

        • by Dr. Angelo Tocci
          Postato 24 Luglio 2019 21:58 0Likes

          Gentile Signora, io da sempre ripeto che la qualità del trattamento è una delle chiavi del successo. Non vedo la necessità di aggiungere altro quando mi sembra evidente che una cosa è eseguire un trattamento in un centro che fa 30 cicli all’anno, una cosa in uno che ne fa 1.000, ed è chiaro che un laboratorio attrezzato con Medici e Biologi competenti sia meglio di uno scadente. Ne deriva ovviamente una maggiore qualità BIOLOGICA degli embrioni. Dott. Angelo Tocci Tel. 338.899.74.73

  • by Jose
    Postato 25 Giugno 2018 16:05 0Likes

    Buongiorno Dottore,Ho 31 anni e provo ad avere una gravidanza da circa 7 anni,all’inizio l’unica anomalia che è uscita fuori è stato un varicocele di mio marito di terzo grado .é stato operato e la motilità e cambiata da 0 a 20 percento circa.In questi 7 anni ho girato diversi dottori che non mi hanno riscontrato mai problemi ho fatto 3 Icsi con produzione di 10 ovociti a ciclo la maggior parte fecondati che arrivano a blastocisti ma poi non si impiantano.l’ultimo ciclo dovevo farlo con ovociti congelati ma in terza giornata si sono fermati.potrebbe essere un problema ovocitario?magari i miei ovuli non sono buoni?c’e una soluzione se il problema dovesse essere ovocitario?

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 8 Luglio 2018 15:55 0Likes

      Ci sono molti fattori che incidono nel decretare successi o insuccessi. Come ho già risposto ad un’altra Paziente, un centro o un medico sono diversi in termini di qualità. La qualità in questo campo purtroppo si associa spesso al costo economico sostenuto. Dott Tocci

    • by Maria
      Postato 28 Maggio 2019 9:10 0Likes

      Buongiorno ho fatto un embriodonazione blasto di ottima qualità ma senza risultato test negativo. Vorrei capire se ci sono esami per indagare per i mancato attecchimento. Cosa bisogna fare?

      • by Dr. Angelo Tocci
        Postato 24 Luglio 2019 21:50 0Likes

        Il risultato dipende quasi universalmente dalla qualità degli embrioni. Se si tratta del primo ciclo e ha eseguito un pannello corretto di esami, direi che non necessita altro. Tuttavia, una risposta di questo tipo da parte mia ha un valore pressocchè NULLO, come capirà. Una visita chiarirebbe molti problemi. Dott. Angelo Tocci Tel. 338.899.74.73

  • by rosy
    Postato 25 Giugno 2018 13:40 0Likes

    Buongiorno dott Tocci, in che modo secondo lei si può migliorare la qualità degli embrioni e renderli più forti? da quali fattori dipende? Ho fatto 3 transfer di blastocisti di cui solo uno andato inizialmente a buon fine ma poi conclusosi con aborto spontaneo all’ottava settimana per anomalia cromosomica..gli altri due non hanno nemmeno attecchito nonostante un buon endometrio e le cure di preparazione con progesterone ed estrogeni..
    Sono seguita presso il centro Humanitas di Milano che pare essere il migliore in Italia..

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 25 Giugno 2018 14:18 0Likes

      Salve. Sul “migliore” o “peggiore” non mi pronuncio. Non conosco la realtà dell’Humanitas ma anche se la conoscessi non mi esprimerei in questo modo, al fine di evitare pubblicità indebite a questo o quel centro. La sua domanda non ha fondamento, in quanto non conosco i suoi dati nè al di fuori di una visita per infertilità presso il mio Studio ho il dovere nè il diritto di conoscerli. Non saprei cosa dirle.Dott. Tocci

  • by Tiziana
    Postato 3 Giugno 2018 11:02 0Likes

    Buongiorno dott. Ho 44 anni e da sette anni io e mio marito cerchiamo un figlio, ho fatto due inseminazioni senza risultati, poi c’e’ stata una gravidanza naturale e si interrotta dopo 3 mesi. Poi ho fatto 4 ICSI abbiamo recuperato sempre un paio di blastocisti ma non sono andati a buon fine. Adesso abbiamo fatto una ICSI con ovodonazione, recuperati 3 blastocisti, uno e’ stato impiantato con successo, ma alla quinta settimana si e’ di nuovo interrotta la gravidanza. Adesso ci restano ancora due blastocisti da impiantare, ma visto tutti i risultati ottenuti la mia preoccupazione e che il problema di attechimento dell’embrione si ripeta per l’ennesima volta in un fallimento. La mia domanda e’, perche’ questo problema di attechimento persiste, che cosa dobbiamo fare per evitare questo problema?
    Grazie dell’attenzione

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 25 Giugno 2018 14:19 0Likes

      Le strategie sono poche. Occorre trasferire gli embrioni residui sperando che uno almeno sia idoneo a generare un bambino. In bocca la lupo. Dott Tocci

  • by Fabiana
    Postato 9 Maggio 2018 23:19 0Likes

    Buongiorno dottore ho fatto 8 trattamenti di ovodonazione in 2 anni. Solo il primo ho avuto beta positive purtroppo il cuore si è fermato all’ 8 settimana. Prendo eparina per mutazione genetica ed eutirox x tiroidite. Sono passata da Praga a Bratislava ed infine a malaga. Tre mesi fi enantone x ridurre adenomiosi…… ha qualche consiglio ?? Grazie

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 10 Maggio 2018 16:29 0Likes

      L’Italia per esempio ? Mi venga a trovare. Dott. Tocci

  • by Carla
    Postato 18 Aprile 2018 10:46 0Likes

    Salve Dottore tocci, proprio ieri ho fatto il transfer di una blastocisti, mentre le altre tre risultano al momento senza crescita…. Quanti giorni possono passare x definirle morte

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 10 Maggio 2018 16:34 0Likes

      24 ore. Dott Tocci

  • by Francesca
    Postato 22 Marzo 2018 18:59 0Likes

    Io sono all’8 giorno post transfer di zigote in seconda giornata, ma a parte i primissimi giorni non sono riuscita a smettere di fumare..dovrei stare più tranquilla e invece l’ansia mi assale…sto a riposo a letto da mattina a sera, mi alzo solo per mangiare o andare in bagno, ma al fumo non sono riuscita a rinunciare. Quindi è possibile secondo lei che abbia compromesso l’impianto?

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 13 Aprile 2018 11:15 0Likes

      Il fumo riduce le probabilità di successo. In bocca al lupo comunque. Dott. Tocci

  • by Francesca
    Postato 22 Marzo 2018 0:17 0Likes

    Buonasera dottore, volevo chiederle se fumare compromette l’impianto dell’embrione.
    Grazie, Francesca.

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 22 Marzo 2018 12:04 0Likes

      il fumo di sigaretta riduce il successo delle tecniche di FIVET ICSI

  • by Silvia
    Postato 15 Febbraio 2018 20:17 0Likes

    Ho già fatto 3 IUI e 2 pick-up e sono riuscita a trasferire 3 embrioni in 3 giornata 3 blastocisti in 5 giornata e 1 in sesta.
    10 tentativi falliti.
    ho 34 anni e soffro di pcso mentre mio marito di varicocele al secondo stadio.
    Ho letto l’articolo….e non ho capito qual’è il motivo di tanti fallimenti.
    Quale potrebbe essere la soluzione

    • by Dr. Angelo Tocci
      Postato 16 Febbraio 2018 19:05 0Likes

      difficile dirlo senza vederla. Ci sono cosi tanti motivi che dovrei visionare tutta la sua documentazione. mi dispiace. dott tocci

  • by Lucia
    Postato 13 Febbraio 2018 19:56 0Likes

    Che bell’articolo diretto e utile! Condivido grazie può essere utile a tante.

Lascia un commento