Consiste in una nuova tecnica (Taylor, 1987), come alternativa al congelamento "lento". La '''vitrificazione''' basa il suo principio sul fatto che l'acqua non fa in tempo a formare cristalli di ghiaccio, grazie alla viscosità di agenti crioprotettivi ad alta concentrazione e portati a bassa temperatura con velocità altissima.