La letteratura scientifica valuta paragonabili le due metodiche in termini di impiego per l’inseminazione intrauterina (Boomsma CM et al., 2007), lasciando quindi la decisione al biologo secondo le caratteristiche del liquido seminale in oggetto e la propria valutazione dettata dall’esperienza.