La sindrome della tripla X può essere identificata mediante un'analisi su un campione di sangue. Il disturbo può anche essere trovato durante test genetici prenatali, come l'amniocentesi o il prelievo dei villi coriali o tramite lo screening genetico preimpianto.