Esami ormonali nel maschio sterile


Attualmente, i dosaggi ormonali sono indicati nel maschio infertile quando la concentrazione degli spermatozoi è inferiore a 10 milioni per millilitro, quando coesiste una disfunzione erettile, quando sono presenti altri segni o sintomi che suggeriscono un basso tasso di testosterone nel sangue o una disfunzione ormonale di altro tipo. La valutazione può comprendere il dosaggio di FSH, LH e prolattina.

Il dosaggio dell’FSH si fa mediante un semplice prelievo di sangue. Alti valori di FSH indicano un danno testicolare. Bassi valori di FSH associati a ridottissimo numero di spermatozoi sono sospetti per un problema della ghiandola ipofisi, che sta alla base del cervello. Valori normali di FSH associati a problemi di liquido seminale sono in genere presenti in forme ostruttive  che causano deficit di spermatozoi.

Una disfunzione endocrina è riscontrata nel 10% dei maschi infertili, tuttavia endocrinopatie di valore clinico si riscontrano in meno del 2% degli infertili.