Congelare i tuoi spermatozoi ti consente di preservare il tuo potenziale riproduttivo e poter avere nel futuro, con le moderne tecniche di fecondazione assistita, un figlio geneticamente tuo.

Quando è indicato congelare i propri spermatozoi?

La preservazione della fertilità maschile è vantaggiosa quando:

  1. ci sono delle ragioni di ordine medico a procedere con il congelamento spermatozoi o del tessuto testicolare, per proteggere i propri spermatozoi dalla degenerazione o scomparsa;
  2. si desidera contrastare l’effetto dell’invecchiamento sugli spermatozoi.
  • Ragioni di ordine medico: quando un uomo è colpito ad esempio da tumore, spesso deve ricorrere a chemio o radioterapie; molte di queste terapie danneggiano irrimediabilmente gli spermatozoi con perdita definitiva della fertilità. Infatti, i testicoli sono molto suscettibili ai danni della chemioterapia e della radioterapia, che sono spesso necessarie per trattare le patologie che colpiscono il maschio. La spermatogenesi, cioè il processo che porta alla produzione delle cellule riproduttive maschili, è spesso severamente compromessa a seguito di queste terapie. I parametri del liquido seminale e a volte l’attività sessuale peggiorano in modo drastico, anche in caso di interventi chirurgici minori sul testicolo o sui suoi vasi sanguigni (varicocele), impedendo il meccanismo della riproduzione naturale. Congelare i propri spermatozoi consente di preservare la tua fertilità in questi casi. Ci sono poi casi in cui il congelamento è fortemente indicato come nel caso di prelievo di spermatozoi testicolari tramite biopsia (TESE). Le recenti tecniche diagnostiche e terapeutiche hanno drasticamente aumentato la diagnosi precoce di molte condizioni gravi e meno gravi che colpiscono l’apparato riproduttivo maschile.
  • Invecchiamento: gli spermatozoi col tempo peggiorano la loro qualità. Ad esempio, con l’età aumenta il tasso di frammentazione del DNA spermatozoario che riduce la possibilità di nascita.