Per poliabortività si intende la occorrenza di 3 o più aborti spontanei consecutivi prima della 20ma settimana di gravidanza, ognuno con feto del peso di meno di 500 grammi. Si calcola che circa l’1% delle donne siano affette da tale condizione. Il tasso di ricorrenza dopo uno, due o tre aborti è variabile in letteratura. Negli studi meglio condotti, dopo un aborto il rischio di avere un secondo aborto è intorno al 11-14%, simile al tasso di aborto spontaneo considerato normale in donne senza alcun problema. Dopo due aborti, il tasso di ricorrenza è stato calcolato tra il 17 ed il 30% circa, ma dopo 3 aborti il tasso di ricorrenza del fenomeno è variabile tra il 30 ed il 46% circa. Di conseguenza, è utile effettuare accertamenti quando si sono verificati almeno due ma soprattutto 3 aborti, in quanto dopo un singolo aborto il tasso di ricorrenza, essendo simile al tasso di aborto spontaneo, non giustifica di eseguire alcun accertamento.

Le cause di questa condizione sono:

  1. genetiche, come alterazioni del corredo cromosomico della coppia, ed incidono in circa il 5% delle coppie. Questo tipo di cause riguardano in particolare gli aborti del primo trimestre.
  2. anomalie anatomiche dell’utero, come le malformazioni congenite (utero unicorne o bicorne, utero setto), l’incompetenza del collo dell’utero, le anomalie dovute ad esposizione a farmaci durante la gravidanza in cui la donna è stata partorita, formazioni endouterine, presenza di aderenze diffuse endouterine. Questo tipo di cause riguardano in particolare gli aborti del secondo trimestre.
  3. cause ormonali, tra cui si considerano i disordini tiroidei e diabetici, ma anche la insufficienza nella secrezione del progesterone; dubbi sussistono sulla causalità di queste condizioni nel provocare la poliabortività.
  4. Cause infettive; i germi implicati sono il mycoplasma, l’ureaplasma, la listeria ed altri. Tuttavia una chiara implicazione di queste cause nell’origine della poliabortività non è stata dimostrata con certezza.
  5. Malattie generali.
  6. Fattori immunologici, quali la presenza di anticorpi antifosfolipidi (lupus anticoagulant ed anticorpi anti cardiolipina), che causando un danno a livello delle piastrine del sangue e dei vasi sanguigni, possono provocare la trombosi placentare e impedire l’accrescimento corretto del feto, e infine provocarne la morte.

Si tratta di esami poliabortività privati non convenzionati con il sistema sanitario nazionale.

Sul versante femminile:

  • esami preconcezionali
  • esami tiroidei
  • dosaggio della omocistenemia e della resistenza alla proteina C attivata
  • valutazione completa di tutti i fattori trombofilici
  • anticorpi antifosfolipidi
  • ecografia pelvica
  • isteroscopia per la valutazione delle malformazioni uterine in particolare l’utero setto) e la presenza di formazioni quali i miomi sottomucosi nella cavità uterina
  • Esami infettivologici a livello della vagina e del collo uterino

Per la coppia:

  • mappa cromosomica

Per il partner maschile:

  • valutazione della morfologia spermatozoaria
  • valutazione della frammentazione del DNA degli spermatozoi

 


ico_dr_angelo_tocci

Dott. Angelo Tocci, Ginecologo ed Ostetrico, Direttore Gruppo Donnamed

Dott.ssa Carolina Fossati, Ematologa, Esperta in trombofilia

Dott.ssa Serenella Cecchi, Endocrinologa

Puoi Prenotare la tua Prima Visita chiamandoci semplicemente al numero sottostante. Un Nostro Incaricato acquisirà i tuoi dati e prenoterà la visita.

338 899 74 73

Questo numero è valido solo per le prenotazioni prima visita.

Non utilizzare per richiedere informazioni.

Se preferisci, puoi utilizzare il notro Modulo di Prenotazione On Line per inviarci una richiesta di Prima Visita tramite email. Un Nostro incaricato Vi contatterà al piu presto per fissare un appuntamento.