logo_slogan

Prenota una prima visita
Il Centro

I nostri risultati
Lo Staff
Ricerca scientifica
Perchè scegliere Donnamed

Il ruolo dell’HPV nel causare perdita di gravidanza, inoltre, è associato con la possibilità di trasmettere il gene del virus agli ovociti durante la fecondazione determinando apoptosi delle cellule embrionali. Per le coppie che intraprendono tecniche di fecondazione assistita, è consigliato sottoporsi al test per l’HPV e, qualora il partner maschile sia positivo, è preferibile non intraprendere alcuna procedura prima che l’infezione virale non sia definitivamente debellata.

hpv_virus

Studio su HPV e fecondazione assistita

Il Dipartimento Materno Infantile dell’Università di Palermo e il Centro di Biologia della Riproduzione hanno condotto uno studio su 199 coppie sottoposte a tecniche di fecondazione assistita [33 IVF-ET (embryo-transfer) e 166 ICSI (intracytoplasmic sperm injection)]con lo scopo di valutare la prevalenza dell’infezione da HPV nelle coppie sterili e la correlazione tra l’infezione stessa e la riuscita delle procedure di fecondazione assistita.

Delle 199 coppie esaminate i pazienti sono stati HPV positivi rispettivamente per il 17,5 % le donne e per il 9,5 % gli uomini, mentre entrambi i partner sono positivi nel 4,5 % dei casi.

Per quanto riguarda il tasso di gravidanza è  maggiore in coppie con donne HPV positive o con uomini HPV negativi, mentre il tasso di aborto è maggiore nelle coppie in cui il partner maschile è positivo.

Nelle coppie con entrambi i partner HPV positivi, la percentuale di aborti è stimata al 100% rispetto alle coppie HPV negative in cui si aggira intorno al 15,9%.

Per approfondire

I PAPILLOMA VIRUS: I papillomavirus umani sono virus a DNA che si trasmettono per via sessuale e che si replicano nelle cellule.

Esistono oltre 120 tipi di HPV, che si differenziano per i tipi di tessuto che infettano.

Più di quaranta tipi interessano l’epitelio anogenitale (cervice uterina, vagina, vulva, retto, uretra, ano, pene), e alcuni fra questi sono definiti HPV ad alto rischio perché sono collegati con l’insorgenza di vari tipi di tumori.

Degli HPV ad alto rischio, l’HPV 16 e 18 sono quelli più frequentemente implicati nel carcinoma cervicale, essendo responsabili rispettivamente di circa il 60% e 10% di tutti i tumori cervicali.

Gli HPV a basso rischio (quelli cioè non legati a forme tumorali) possono provocare condilomi anogenitali in entrambi i sessi. La maggior parte delle infezioni da HPV è transitoria perché il virus è eliminato dal sistema immunitario prima di sviluppare un effetto patogeno. In caso d’infezione persistente, il tempo che intercorre tra l’infezione e l’insorgenza delle lesioni precancerose è di circa cinque anni, mentre la latenza per l’insorgenza del carcinoma cervicale può essere di 20-30 anni.

HPV E LIQUIDO SEMINALE: La presenza dell’ HPV nei campioni seminali è stata correlata, nonostante alcune controversie, con un ridotto numero di cellule spermatiche, una ridotta motilità e alterazioni del pH del liquido seminale.

Nonostante ciò, non ci sono evidenti connessioni tra HPV e sub fertilità maschile.  Alcuni studi hanno dimostrato come il virus sia presente nelle cellule spermatiche sia d’individui sani che infetti, e che il lavaggio del seme per la preparazione e la purificazione del liquido seminale non sia in grado di rimuovere il rischio d’infezione virale.

Il meccanismo attraverso il quale il virus infetta le cellule spermatiche non è ancora noto ma, secondo un recente studio, il capside del virus si lega in due distinti siti sulla regione equatoriale della testa dello spermatozoo; in questo modo le cellule spermatiche facilitano la dispersione del virus e la penetrazione del muco entro il tratto genitale femminile. Gli spermatozoi infetti possono perciò svolgere un ruolo come trasportatori di HPV/DNA nel tratto riproduttivo con possibilità di effetti negativi durante la fecondazione.

Bibliografia

Antonio Perino, Lucia Giovannelli, Rosaria Schillaci, Giovanni Ruvolo, Francesco Paolo Fiorentino, Pietro Alimondi, Eleonora Cefalù, Piero Ammatuna. “Human papillomavirus infection in couples undergoing in vitro fertilization procedures: impact on reproductive outcomes”.
Fertil. Steril. 2010 Dec. Epub 2010 Dec 17.