Regolamentazione della inseminazione intrauterina

La inseminazione intrauterina è regolamentata per legge (legge 40/2004).

La legge sancisce il divieto al ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo cioè con seme di donatore estraneo alla coppia.
E’ quindi fatto obbligo di effettuare la inseminazione intrauterina presso strutture convenzionate o private autorizzate ai sensi della legge.

Come si esegue una inseminazione intrauterina

La inseminazione intrauterina (IUI o AIH) può essere effettuata su ciclo naturale, cioè col semplice monitoraggio dell’ovulazione, effettuando la introduzione degli spermatozoi più mobili e di migliore qualità.

La inseminazione intrauterina può anche avvenire con stimolazione ovarica, producendo più di un follicolo e presumibilmente più ovociti. Occorre evitare le gravidanze gemellari, che costituiscono un rischio sia per la madre che per i feti e sono sintomo di scarsa qualità della procedura. Tuttavia, la gemellarità, soprattutto su ciclo stimolato, non è evitabile in tutti i casi con certezza.

La metodica viene effettuata nel giorno di maggiore fertilità, con un catetere, cioè un sottile tubicino inserito all’interno della cavità uterina o nel collo uterino. La tecnica non prevede anestesia né locale né generale, e si può paragonare come grado di invasività all’esecuzione di un pap test.

Quanti spermatozoi occorrono ?

Non è chiarito in letteratura il numero minimo di spermatozoi.

Si sa che i risultati sono inferiori se ci sono meno di 10 milioni di spermatozoi nel campione di partenza (van Voorhis et al. 2001).

Il numero di spermatozoi nel campione inseminato (dopo capacitazione) deve essere minimo 3 milioni di spermatozoi motili (Strandell et al. 2003), secondo altri autori minimo 5 milioni (Khalil et al. 2001), secondo altri minimo 10 milioni (Kahn et al. 1992; van Voorhis et al. 2001).

Il nostro Centro considera idonee per inseminazione intrauterina le coppie in cui la donna ha al massimo 35 anni di età e se nel campione di partenza sono contenuti almeno 10 milioni di spermatozoi motili.

Meglio una o due inseminazioni ?

Una recente revisione della letteratura mostra un vantaggio della doppia inseminazione rispetto alla singola inseminazione (Cantineau et al. 2003). Nel nostro Centro, tuttavia, si ottengono risultati paragonabili con una singola inseminazione.
Quanti follicoli occorre produrre ?

Su ciclo naturale, si produce in genere un solo follicolo. Su ciclo stimolato, due o tre follicoli probabilmente danno le migliori chance di successo, con un rischio relativamente  ridotto di gemellarità.

Bibliografia

Cantineau AEP, Heineman MJ, Cohlen BJ. Single versus double intrauterine insemination (IUI) in stimulated cycles for subfertile couples. Cochrane Database of Systematic Reviews 2003, Issue 1. Art. No.: CD003854. DOI: 10.1002/14651858.CD003854