Il transfer viene consigliato al giorno 5 di sviluppo embrionale allo stadio di blastocisti.

E’ questo lo stadio in cui la natura ha previsto che l’embrione impianti in utero, mentre nei giorni precedenti si trova nella tuba. Solo gli embrioni validi riescono a percorrere tutto il tragitto tubarico ed entrare in utero, cosa che avviene dopo circa 4 giorni e mezzo dalla fertilizzazione. Questo percorso serve proprio a determinare se l’embrione è valido per poter tentare l’impianto.

Una volta entrato in utero, l’embrione impianta, se è valido, allo stadio di blastocisti (5° giorno di sviluppo).

E’ pertanto falso che gli embrioni al giorno 1-3 stanno meglio in utero che in laboratorio. O meglio, dipende dal laboratorio !!!!

I laboratori di scarsa qualità devono necessariamente trasferire gli embrioni in utero il prima possibile, in quanto una permanenza in condizioni non corrette per altri 2-3 giorni può determinare problemi di sviluppo embrionale causate dalla crescita in incubatori e ambienti non idonei.

Come si svolge il transfer embrionale

Vi recherete in clinica all’orario stabilito e verrai condotta in sala transfer. La mattina, si può fare tranquillamente colazione. A differenza del prelievo ovocitario, per questa fase non occorre alcuna preparazione particolare salvo l’assunzione di progesterone e altri eventuali farmaci consigliati dal Medico.

Prima del transfer embrionale

La coppia effettua un breve colloquio con il medico, che descrive le potenzialità in termini di gravidanza. Dopodichè, la paziente viene preparata.

Il transfer embrionale (embryo-transfer)

Avviene sotto la guida ecografica, per essere certi di depositare in utero l’embrione nel posto giusto. La procedura non prevede sedazione, salvo che in casi particolarissimi.
Il ginecologo effettua una accurata pulizia della vagina dopo aver applicato lo speculum. Inserisce quindi, sotto guida ecografica, il catetere, attraverso il quale verranno inseriti gli embrioni porti al ginecologo dal biologo incaricato del transfer.

Dopo il transfer embrionale

Terminata la procedura, la paziente attende sdraiata per 10 minuti circa. Dopodichè, può tornare a casa e osservare qualche giorno di riposo.


Questo articolo non intende sostituire il consiglio del Medico. Non devi usare questa informazione per diagnosticare o trattare problemi di salute o condizioni patologiche. Consulta sempre il tuo Medico prima di cambiare trattamento, abitudini, assumere supplementi alimentari o farmaci, o iniziare terapie.


DOTT. ANGELO TOCCI

Angelo Tocci è un Medico Chirurgo (iscrizione albo n° 1870), Specialista in Ginecologia ed Ostetricia, e Andrologia e Sessuologia. Dirige il Gruppo Donnamed® che si occupa da 20 anni di sterilità di coppia e di malattie da virus del papilloma HPV maschile e femminile. E’ Socio dell’ American Society for Reproductive Medicine, della European Society of Human Reproduction and Embryology, della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità e della European Academy of Andrology. Ha lavorato presso il Policlinico Gemelli dell’Università Cattolica di Roma, presso l’Unità di Ricerca INSERM U80 dell’Università Claude Bernard a Lione (Francia) e al Queen Charlotte’s and Chelsea Hospital dell’Imperial College di Londra (UK).