La tecnica delle fecondazione in provetta (in vitro) è stata sviluppata negli anni ’70 del secolo scorso. Può differire lievemente da clinica a clinica, ma il primo step consiste nella stimolazione ovarica (detta tecnicamente iperstimolazione ovarica controllata), salvo i rari casi in cui, per controindicazione alla stimolazione ormonale (ad esempio precedente tumore mammario o altri tumori ormono-sensibili), si procede semplicemente al monitoraggio ecografico dell’ovulazione naturale (ciclo spontaneo e minimamente stimolato).

La stimolazione ormonale delle ovaie serve ad aumentare la possibilità di successo del trattamento; è noto che il successo dei trattamenti di fecondazione assistita aumenta con l’aumentare del numero di ovociti (uova) prelevati.

Il monitoraggio ecografico è una procedura mediante la quale si effettuano ecografie transvaginali a vari intervalli durante la crescita del follicolo oppure durante la stimolazione farmacologica delle ovaie.

Il monitoraggio ecografico della stimolazione ovarica controllata è attualmente considerato il cardine del trattamento: consente infatti di valutare l’adeguatezza della crescita follicolare e effettuare il calcolo dell’ovulazione temporizzando la somministrazione dello stimolo ovulatorio (Gonasi o Ovitrelle).

Il monitoraggio di un ciclo di trattamento si effettua, secondo le linee guida della legge 40 del 2004 sulla procreazione medicalmente assistita, dosando il livello di estradiolo e l’ecografia. Tuttavia il monitoraggio dell’estradiolo non si correla sempre con la crescita follicolare, quindi il suo utilizzo non è considerato oggi obbligatorio in tutti i casi.

Gli step della stimolazione ovarica e del monitoraggio ecografico possono differire lievemente, ma sostanzialmente sono simili da clinica a clinica.

Step 1: sopprimere il ciclo naturale

Ti verrà prescritto un farmaco che sopprime il ciclo mestruale naturale e impedisce agli ormoni secreti nel tuo organismo di interferire con la stimolazione ovarica; inoltre, l’inibitore impedisce ai follicoli che contengono le uova di aprirsi prima del tempo, cioè prima del prelievo ovocitario (pick up).

La soppressione del ciclo ovulatorio è temporanea e reversibile e può avvenire mediante:

  • farmaci agonisti del GnRh (esempio Decapeptyl)
  • farmaci antagonisti del GnRh (esempio Cetrotide o Orgalutran)

La differenza tra questi farmaci sta nel tempo necessario per sopprimere il ciclo che nel caso dei farmaci agonisti è lungo (almeno 10 giorni), mentre nel caso degli antagonisti è immediato. Per questo, inizierai a auto-somministrarti gli agonisti circa 10 giorni prima di cominciare la stimolazione ovarica, mentre con gli antagonisti inizierai la stimolazione ovarica dal 2°-3° giorno del ciclo mestruale e li prenderai solo intorno al 6°-7° giorno di stimolazione.

La somministrazione avviene per via sottocutanea, intorno all’ombelico (ti verrà insegnato come fare).

Step 2: stimolare lo sviluppo dei follicoli ovarici

Prenderai un farmaco contenente FSH (ormone follicolo-stimolante) che in natura viene secreto dalla tua ipofisi, una ghiandola che sta alla base del cervello e stimola le ovaie. Questo ormone è conosciuto come gonadotropina (cioè stimolatore delle gonadi).

L’FSH aumenta il numero di ovociti (uova) prodotte dalle tue ovaie. Questo significa che più ovociti possono essere prelevati e fertilizzati, con un aumento del numero di embrioni generati e una maggiore possibilità di gravidanza.

La somministrazione avviene sempre per via sottocutanea, intorno all’ombelico, e dura usualmente 9-12 giorni, ma può variare a seconda della tua risposta.

Step 3: controllare la tua stimolazione ovarica

La tua stimolazione verrà controllata a tempi ben precisi mediante ecografia vaginale e dosaggi ormonali (non sempre necessari). Circa 35-36 ore prima del prelievo ovocitario, ti verrà somministrata una ultima iniezione di Gonasi (intramuscolare) o Ovitrelle (sottocutanea), per aiutare le tue uova a maturare cioè diventare idonee ad essere fecondate.

Il monitoraggio ecografico dell’ovulazione (o della iperstimolazione ovarica controllata in caso di ciclo stimolato) è una procedura mediante la quale si effettuano ecografie transvaginali a vari intervalli durante la crescita del follicolo oppure durante la stimolazione farmacologica della stimolazione ovarica.