logo_slogan

Prenota una prima visita
Il Centro

I nostri risultati
Lo Staff
Ricerca scientifica
Perchè scegliere Donnamed

La gonadotropina corionica umana (hCG)

E’ una glicoproteina simile alle gonadotropine che governano l’attività dell’ovaio, in particolare all’ormone luteinizzante (LH); a differenza di queste, però, non viene prodotta dall’ipofisi (una piccola ghiandola che sta alla base del cervello), ma dalle cellule che circondano la camera gestazionale, cellule che costituiscono il sinciziotrofoblasto cioè l’abbozzo della placenta.

A quali valori la gravidanza diventa visibile?

Quando i valori di beta-HCG raggiungono 1500, la gravidanza intrauterina deve essere visibile in ecografia transvaginale. Se non la si evidenzia, è segno che la gravidanza si è impiantata altrove (gravidanza extra-uterina). A volte anche in presenza di gravidanza extra-uterina, l’ecografia può fornire una falsa immagine di camera gestazionale.

Dosaggio delle beta hCG nella gravidanza spontanea

Questa sostanza viene riversata nel sangue materno quando la camera gestazionale impianta. La presenza di hCG tuttavia non indica nè la posizione della camera gestazionale (dentro o fuori dell’utero), nè la presenza dell’embrione stesso: una gravidanza extra-uterina produce un aumento dell’hCG, così come una camera gestazionale priva di embrione (uovo cieco o gravidanza anembrionica, o “blighted ovum” in inglese).

Dosaggio delle beta hCG nella fecondazione in vitro

Nella fecondazione in vitro, l’hCG viene dosata precocemente nel sangue, già dopo due settimane dal trasferimento embrionario: in particolare, si dosa una delle due subunità della molecola nel sangue, la beta-hCG.

I test di gravidanza nella FIVET ICSI dosano la gonadotropina corionica nella sua subunità beta (beta-HCG) prodotta dalle cellule del trofoblasto che
circondano la camera gestazionale. Di conseguenza, la positività del test di gravidanza non dipende dalla presenza dell’embrione. La gonadotropina corionica beta-HCG viene dosata sul sangue o nelle urine dopo 6-12 giorni dall’impianto della camera gestazionale, dovunque l’impianto si verifichi.

Beta hCG e probabilità di gravidanza

Il test di gravidanza nella FIVET ICSI consente, a differenza del test urinario, il calcolo della possibilità di gravidanza, che cambia a seconda dell’età della donna.

  • a 35 anni di età materna, se il primo valore di beta-HCG è tra 85 e 95 mIU/mL, si hanno 75% di possibilità di successo dopo FIVET ICSI; un raddoppio del valore dopo due giorni rafforza la probabilità
  • A 41 anni, se il primo valore di beta-HCG è tra 85 e 95 mIU/mL, la tua probabilità di successo della FIVET ICSI scende al 55%.

Quando il beta-hCG  va considerato positivo nella FIVET ICSI?

Nel test che dosa il beta-HCG sul sangue (prelievo), esso va considerato positivo quando il valore raggiunge o supera il valore soglia fornito dal laboratorio.

Test beta hCG dopo il transfer

Nella FIVET ICSI, il consiglio è di effettuare un test beta-HCG sul sangue dopo 12 giorni circa dalla data del transfer embrionale e ripeterlo, qualunque sia il valore del primo test, dopo 2-3 giorni.

Se si verificano perdite prima, consigliamo di non sospendere la terapia in atto ed effettuare il test beta-HCG al tempo stabilito. Infatti, perdite di sangue possono essere dovute all’impianto embrionale e non sono sinonimo di fallimento della tecnica.

Dopo circa altre 4 settimane dal primo test positivo, consigliamo una ecografia pelvica trans-vaginale, per visualizzare la/le camera/e gestazionali ed eventualmente il battito cardiaco embrionale.

Il test di gravidanza dopo le tecniche di fecondazione assistita dosa minime quantità di beta-HCG, in quanto è eseguito precocemente.
Pertanto, il test di gravidanza da eseguirsi dopo le tecniche di FIVET ICSI non potrà essere quello della farmacia sulle urine.

Beta hCG urinario dopo il transfer

Sul campione urinario, il test di gravidanza è inaffidabile e presenta un’accuratezza pari a soltanto 75% a causa di:

  • alta incidenza di falsi positivi e falsi negativi
  • impossibilità di determinare il valore raggiunto dal beta-hCG
  • il test di gravidanza è inaffidabile a causa dei bassi valori di gonadotropina corionica beta-hCG

Come interpretare il test?

Nella FIVET ICSI è importante, oltre al valore assoluto del livello di gonadotropina corionica beta-HCG, anche la sua crescita in ripetuti dosaggi.
In genere è consigliabile la ripetizione del test beta-hCG dopo due-tre giorni.

Il miglior aumento che indica una gravidanza evolutiva è il raddoppio dopo due-tre giorni dal primo test. Più avanti nella gravidanza, l’aumento della gonadotropina corionica ha il seguente andamento:

→ sotto le 1200 mIU/mL: il livello raddoppia approssimativamente ogni 2-3 giorni (un aumento del 50% è ancora considerato normale);

→ tra 1200 e 6000, il livello ci mette 3-4 giorni per raddoppiare;

→ per valori superiori a 6000, il valore ci mette oltre 4 giorni per raddoppiare e raggiunge il massimo tra 7 e 12 settimane di gravidanza.

Prof. Dott. Angelo Tocci
Ginecologo ed Ostetrico
Andrologo
Dottore in Ricerca in Scienze Ostetriche e Ginecologiche
già Clinical Research Fellow and Clinical Assistant Queen Charlotte’s Hospital, Imperial College, Londra UK