Il periodo migliore per effettuare lo screening delle patologie cromosomiche fetali è il primo trimestre con la translucenza nucale e bitest. Tuttavia, l’ecografia morfologica fetale che si effettua intorno alla 18ma-22ma settimana gestazionale è considerata utile sotto questo aspetto. Una moltitudine di marcatori di anomalia cromosomica fetale (“soft markers“) è stata studiata negli ultimi 30 anni.

E’ indubbio inoltre che l’ecografia del 2° trimestre morfologica consente di rivelare, con varia accuratezza, le anomalie degli organi fetali.

L’esame dura dai 40 minuti ad un’ora, a secondo della posizione fetale. E’ possibile che ti venga richiesto di tornare per un secondo controllo, in caso la posizione fetale non abbia consentito di studiare tutti gli organi. In Donnamed, l’esame si esegue con ecografo ad altissima risoluzione.

E’ possibile completare l’esame con la ecografia tridimensionale 3D, che consente di visualizzare in modo realistico le fattezze fetali, e di studiare meglio alcuni organi. La ecografia tridimensionale ha un forte impatto emotivo sulla coppia, ma anche un discreto valore sul piano medico.

In Donnamed, vengono sistematicamente studiati i seguenti organi:

  • cervello (talami, ventricoli cerebrali, cavo del setto pellucido, cervelletto, plessi corioidei)
  • viso, palato, osso nasale
  • spina dorsale per evidenziare eventuale spina bifida
  • collo fetale per evidenziare eventuali problemi tiroidei
  • cassa toracica (cuore, polmoni, diaframma etc)
  • ecocardiografia
  • fegato e cistifellea
  • parete addominale
  • organi sessuali
  • vescica e reni
  • apparato digerente
  • arti superiori e inferiori
  • placenta e liquido amniotico
  • cordone ombelicale