Siamo sterili? Quando si parla di sterilità di coppia

La sterilità colpisce circa il 20% di coppie in età fertile. E’ quindi una condizione frequente e non deve essere considerata un marchio di inadeguatezza. Non dovrete quindi in alcun modo sentirvi inadeguati se il problema vi colpisce, perché accade frequentemente, in una coppia su 5-6 circa, che il meccanismo della riproduzione naturale non funzioni, o si sia bloccato per qualche ragione.

Rimarrò incinta dopo il trattamento?

Le tecniche di fecondazione assistita, che si applicano a coppie sterili, consentono risultati superiori, che nel nostro Centro arrivano a circa il 50% per tentativo, in caso di applicazione della fecondazione in vitro ad una coppia la cui partner femminile non ha oltre 37 anni di età.

Infertilità e sterilità di coppia-cause

L’esaurimento della riserva ovarica, invece, è un fattore determinante e non risolvibile di sterilità di coppia. Spesso il fattore femminile viene valutato in ritardo, in quanto la coppia si rivolge all’urologo-andrologo, il quale si concentra a volte per anni sulla possibile origine maschile della sterilità, per poi scoprire che la donna ha un numero ridotto di ovociti.

Fattori che influenzano la fertilità

Nella nostra società motivazioni molteplici di ordine sociale, economico e culturale portano molte donne a rinviare oltre la terza decade di vita la ricerca di un concepimento. Dagli ultimi dati relativi alla natalità in Europa, infatti, emerge che l’età media in cui la donna italiana partorisce il primo figlio è 30 anni, dato aumentato rispetto al precedente rilievo del 1990 dove risultava essere di 29 anni.
  • Permalink Gallery

    Cosa accadrà una volta che il mio test di gravidanza sarà positivo?

Cosa accadrà una volta che il mio test di gravidanza sarà positivo?

Se desideri potrai essere seguita dal Centro anche in gravidanza, ed effettuare tutti i test di screening (translucenza nucale, amniocentesi non invasiva, amniocentesi classica etc). Potrai anche essere seguita al parto, in regime privato direttamente dal Responsabile del Gruppo Donnamed.