Il Gruppo Donnamed pratica elettivamente (cioè in ogni caso) il transfer di blastocisti che consente di trasferire embrioni privi di grossolane anomalie e meglio sincronizzati con l’endometrio, con aumento della probabilità di impianto embrionario. La tecnica richiede una elevata tecnologia.

La blastocisti umana è formata da uno strato esterno-trofoectoderma-, una cavità interna-blastocele-ed un ammasso cellulare-massa cellulare interna.

Dallo strato esterno originerà la placenta e le altre strutture che supportano la gravidanza. Dalla massa cellulare interna originerà invece il bambino vero e proprio.

ICSI con blastocisti (Blasto-ICSI): aumento delle gravidanze

Trasferendo in utero blastocisti invece di embrioni al 2° o 3° giorno dopo la ICSI FIVET, gli embrioni arrivano nell’utero nello stesso momento in cui arrivano in natura, cioè dopo 5 giorni dalla fertilizzazione delle uova. Anche grazie a questo, la probabilità di gravidanza è maggiore.

In una recente analisi della letteratura medica riguardante la blastocisti, sono stati inseriti 18 studi che dimostrano un vantaggio in termini di tasso di gravidanza clinica e nascite del transfer della blastocisti rispetto al transfer embrionale standard al giorno 2°-3°.
In Donnamed, viene sempre consigliato alle pazienti di trasferire blastocisti piuttosto che embrioni al 2°-3° giorno di sviluppo, perchè questo aumenta il tasso di impianto embrionario.

Inoltre, consigliamo di effettuare anche lo screening genetico pre-impianto, al fine di trasferire solo embrioni geneticamente e cromosomicamente idonei, con aumento del tasso di gravidanza.

FIVET-ICSI con transfer al 2° o 3° (tecnica standard)

Nella Blasto FIVET ICSI standard gli embrioni vengono trasferiti al 2° o 3° giorno dopo l’iniezione dello spermatozoo nell’uovo, quando si trovano allo stadio di sviluppo di 4 o 8 cellule.
Pertanto gli embrioni arrivano in utero prima di quanto è previsto in natura; in natura infatti l’embrione di 4-8 cellule si trova ancora nella tube, non in utero, mentre solo quando è diventato blastocisti (5° giorno di sviluppo) giunge nell’ utero. Trasferire embrioni al giorno 2°-3° di sviluppo invece che allo stadio di blastocisti vuol dire trasferire embrioni “sani” e “anomali”, perchè gli embrioni con grosse anomalie non riescono, in un laboratorio attrezzato, ad arrivare al 5° giorno di sviluppo.

Bibliografia

Plachot M. The Blastocyst. Hum Reprod 2000;15:49-58
Veeck L. An atlas of human blastocysts. 2003
Blake DA, Farquhar CM, Johnson N, Proctor M. Cleavage stage versus blastocyst stage embryo transfer in assisted conception.  Cochrane Database Syst Rev. 2007 Oct 17;(4):CD002118.