Importanza dell’acido folico nella riproduzione

L’acido folico è la forma sintetica del folato, semplice e facilmente assorbita. Il folato è un micronutriente che fa parte delle vitamine del gruppo B.
È presente in una varietà di cibi, come verdure a foglie verdi, fegato, lievito, pane e frutta.

È importante per i tessuti che vanno incontro a processi di proliferazione e differenzazione come quelli embrionali.

Acido folico negli uomini

Sono presenti in letteratura dati discordanti sulla somministrazione di acido folico agli uomini.

  • Secondo alcuni autori la somministrazione di 5mg di acido folico a uomini sub-fertili e fertili per 26 settimane determina un significativo aumento dei livelli di folato nel plasma seminale ma nessun effetto è stato osservato sulla conta spermatica o motilità degli spermatozoi
  • Secondo altri, invece, è riportato un aumento del numero e della motilità degli spermatozoi maturi dopo 3 mesi di somministrazione con 15 mg di acido folico a 65 uomini di coppie infertili.

Acido folico nelle donne

Poco si conosce sugli effetti del folato o dell’acido folico sullo sviluppo degli ovociti.

In uno studio è  stata dimostrata l’esistenza di un sistema di trasporto per il folato negli ovociti di rana. Non sono presenti studi simili sull’uomo.

Alcuni autori hanno notato una migliore qualità ovocitaria in donne supplementate con acido folico  rispetto a quelle di donne che non hanno ricevuto la somministrazione.

Acido folico in gravidanza

L’acido folico prendendo parte all’eritropoiesi (processo di formazione dei globuli rossi) può determinare, se carente, l’insorgenza di anemia megaloblastica. Questo può verificarsi particolarmente in gravidanza.

Donne in gravidanza, non supplementate con acido folico, presentano una diminuzione della concentrazione di folato in circolo. Questa riduzione potrebbe rappresentare una risposta fisiologica alla gravidanza, ma il meccanismo non è conosciuto.

Le possibili cause della diminuzione di folato nel sangue potrebbero essere: 1) maggiore richiesta per la crescita del feto e degli organi utero-placentari 2) diluzione del folato per espansione del volume sanguigno 3) aumento del catabolismo del folato 4) diminuzione dell’assorbimento di folato 5) influenza ormonale sul metabolismo del folato.

La terapia dell’anemia megaloblastica per deficit di folati in gravidanza è la somministrazione di 4-5 mg di acido folico al giorno fino al termine della gravidanza.

La profilassi dell’anemia megaloblastica in gravidanza può essere effettuata supplementando con 0,5 mg di acido folico al giorno.

L’uso periconcezionale dell’acido folico e nelle prime fasi della gravidanza è efficace anche nel ridurre il rischio di nascita con difetti del tubo neurale (DTN) del 70%. Il tubo neurale è la struttura da cui si formano il cranio, il cervello, la colonna vertebrale e il midollo spinale. Questa struttura si chiude in un feto normale  entro 30 giorni dal concepimento; se questo non avviene, si parla, a seconda dei casi, di anencefalia, encefalocele, spina bifida.

L’uso dei folati si è esteso per la prevenzione di problemi come: distacco intempestivo della placenta, ridotta crescita intrauterina, aborto spontaneo, parto prematuro, morte intrauterina.

Bibliografia

Ebisch IM, Thomas CM, Peters WH, et al. The importance of folate, zinc and antioxidants in the pathogenesis and prevention of subfertility. Hum Reprod Update .2007; 13(2):163-74

Vujkovic M, de Vries JH, Lindemans J, Macklon NS et al. The preconception Mediterranean dietary pattern in couples undergoing in vitro fertilization/intracytoplasmic sperm injection treatment increases the chance of pregnancy. Fertil Steril. 2010

Ray JG, Laskin CA et al.Folic acid and homocyst(e)ine metabolic defects and the risk of placental abruption, pre-eclampsia and spontaneous pregnancy loss: A systematic review. Placenta. 1999; 20(7):519-29.